...fermarsi ogni tanto sulle rive di questo mare che è la vita a narrare quello che vedo tra le onde...

30 gennaio 2016

Giapponeserie: bonsai volanti

Una delle tradizioni giapponesi tra le più curiose, secondo i canoni occidentali, è sempre stata quella dell’arte del Bonsai, cioè la coltivazione di alberi in versione “ridotta” e minuscola. Per esser eseguita necessita di pazienza e di molta abilità, dovendo per molti anni prendersi cura della pianta in un piccolo vaso, dosando con attenzione l’innaffiatura e curando la potatura quasi in maniera maniacale, pena la decadenza della pianta (e per esperienza posso dir che prendersi per bene cura di una di queste piante è veramente difficile). Ma evidentemente ai giapponesi la cosa non basta, e quindi qualcuno si è posto il problema di come render più strana la cosa, trovando infine la risposta: rendiamo questi bonsai volanti!

20 gennaio 2016

Podcast che passione: Il dado incantato

Chi mi legge già da un po’ di tempo sa che tra le mie molte passioni ci sono i giochi ed i podcast. Quindi poter trovare la maniera di unirli è per me cosa buona e giusta. E cosa c’è di meglio per unirli se non un podcast sui giochi? Ed infatti oggi vi voglio parlare di un nuovo podcast, appena nato, che tratta di giochi da tavolo (o boardgame, per dirla all’inglese); già il nome ne rivela la natura, infatti è intitolato “Il dado incantato”!
Tenuto da uno speaker noto nel mondo dei podcasting, il mio quasi omonimo Paolo Bianchi, già conduttore da altri podcast come Scientificast (di cui ho già parlato qui) sulla scienza e Fantascientificast su argomenti fantascientifici, questa nuova trasmissione ha l’obbiettivo di parlare di giochi da tavolo a tutto tondo, sia recensendo giochi che occupandosi del mondo che a questi giochi gira attorno.

1 gennaio 2016

Sei anni di blog

Con gli anni, anche le rive cambiano un po'...
Inizia questo nuovo anno e con il capodanno celebro anche il sesto anniversario di questo blog.
Anche se, come gli scorsi anni, in quest'anno appena trascorso non sono riuscito a fare tutti i post che volevo, volevo ringraziare le decine di migliaia di visitatori che sono approdati su queste pagine in questi sei anni, sia quelli che mi seguono con regolarità che quelli che lo hanno fatto casualmente, magari facendo una ricerca su un argomento che rispetto a quelli trattati su queste pagine non centra per niente. 
Per i lettori più affezionati voglio segnalare quali sono gli articoli e le rubriche più lette in questi anni:
  1. al primo posto ci sono le "Giapponeserie", quegli articoli scherzosi che scrivo sulle curiosità strambe dal Giappone. In particolare il post più letto in assoluto del blog è quello relativo al "raddrizza-naso";
  2. subito dopo troviamo i piccoli reportage che faccio quando vado alle fiere del fumetto, in particolare a Lucca Comics and Games. Sembra che le mie descrizioni e le foto che faccio piacciano;
  3. di seguito ci sono le mie piccole recensioni sui fumetti: specialmente le ultime sembrano essere state molto apprezzate dai lettori
  4. poi troviamo come numero di visualizzazioni gli articoli più di riflessione su temi personali, sociali e religiosi. I più letti in assoluto sono quelli su "L'ascolto nella coppia" e "Religione e superstizione";
  5. a seguire si collocano le mie impressioni sui podcast che ascolto, forse perché l'interesse per questa forma di diffusione di contenuti è cresciuta in questi ultimi anni.
Sono comunque apprezzate le mini-rubriche che tengo sulle strisce internet, ed anche gli articoli su quanti volantini pubblicitari ci ritroviamo nella cassetta della posta. Comunque ringrazio tutti i lettori, perché in generale sembrano leggere (ed apprezzare) i vari post che scrivo.
Per finire, non resta che augurare a tutti:

BUON ANNO!

Che il 2016 sia per tutti voi il miglior anno che ci possa essere!

25 dicembre 2015

Per un Natale di misericordia

Anche quest'anno, come gli scorsi anni, voglio continuare a ricordare voi ed a me stesso qual'è il vero significato del Natale. E siccome siamo entrati in pieno nell'Anno Santo della Misericordia, perché non pensare davvero alla misericordia di Nostro Signore ed a tutto quello che ha fatto per noi? E forse sarebbe il caso di essere misericordiosi anche noi, non tanto a parole, ma nei fatti, compiendo quelle opere di misericordia che possiamo fare nella pratica, attualizzandole alla situazione attuale.
Pertanto, anche quest'anno, su questo blog invece di disegnini a tema di babbo natale, musichette, fiocchi di neve, video natalizi ed altre amenità a tema, trovate solo un grandissimo ma sincero (dal profondo del cuore)
AUGURIO DI UN SANTO NATALE!


Presepe napoletano (Immagine da Wikipedia)

23 dicembre 2015

Giapponeserie: sottilette di cioccolato

La confezione delle sottilette di cioccolato
Ho già parlato tempo fa del Lego di cioccolato, ma se quello era un prototipo di un designer, quello di cui vi parlo oggi è un prodotto già in commercio. Infatti una ditta giapponese, la Bourbon, ha messo in commercio le Sottilette di cioccolato.
Vendute nella loro pratica confezione da 5, simile a quello delle classiche fettine di formaggio fuso, queste lastrine quadrate di cioccolato al latte sono adatte, secondo la casa produttrice, non solo per i toast dolci, ma anche per altre ricette, o per decorare torte e dolci di ogni tipo. Di seguito una piccola galleria con alcuni esempi tratti dal ricettario messo online dal produttore:
Un toast (con banane)?
Sui classici pancake...
Crepes o piadine?
Un piccolo regalo...
Rose certo senza spine...


Rotolini per le feste









E per Natale non può mancare il Pandoro con sottiletta!











































Che ne dite, vi ispirano queste sottilette cioccolatose?


Altre giapponeserie viste:
 

14 dicembre 2015

Podcast che passione: Tutto tranne il calcio

All’interno del network di podcast di Querty, di cui ho già parlato quando hanno vinto il premio Macchia Nera Italian Award alla Festa della Rete come migliore radio online, è nato un altro podcast, con un nome che promette molto: Tutto tranne il calcio. Manterrà questa promessa?

18 novembre 2015

Lucca, chi non ci va non ci s'inzuppa: reportage da Lucca Comics & Games 2015 (seconda parte)


Dopo la prima parte dedicata ad una gallery con alcune foto scattate in questa edizione di Lucca Comics & Games, come di consuetudine ecco le mie impressioni riguardo alla fiera di questanno, anche se un po' in ritardo (dovuto alle troppe cose da fare, tra lavoro e famiglia).
Ledizione di questanno è stata caratterizzata da un parziale rinnovamento della stessa per far si che laffluenza dei visitatori (paganti e non) fosse più uniforme nelle varie giornate e che ci fosse una maggior distribuzione delle persone nelle varie aree. La cosa anticipo subito che ha avuto successo, dato che (come mi hanno detto in molti) nel fine settimana nonostante il gran numero di presenze le cose sono scorse via molto più lisce.
Anche questanno sono andato, con famiglia al seguito, di giovedì, primo giorno di fiera. Scelta rivelatasi meno felice dello scorso anno, dato che anche se ho trovato quella che è stata la giornata con minor affluenza della manifestazione, c'era comunque un afflusso di persone ben più copioso di quello dell'anno scorso. Nonostante che in questa edizione sono stati venduti 220.000 biglietti, con oltre 400.000 visitatori totali (quelli che sono venuti a vedere senza entrare nei padiglioni o per andare negli eventi gratuiti), per la prima volta dopo molti anni in leggero calo rispetto allanno precedente, leffettuare una contingentazione della vendita dei biglietti, con un massimo totale di biglietti giornaliero, ed una politica dei prezzi che li teneva più bassi nei giorni fuori del fine settimana, ha fatto si che i visitatori si siano distribuiti più uniformemente nei vari giorni, facendo si ce nel fine settimana la fiera fosse più vivibile, ma aumentando le presenze nei giorni tradizionalmente meno affollati.
Devo dire che si è notato questanno un particolare sforzo dellorganizzazione nellottimizzare gli spazi in funzione della grande presenza di visitatori, anche in risposta ad alcune critiche mosse su questo argomento negli scorsi anni specialmente dopo il caos del fine settimana dello scorso anno). L'evento è stato esteso praticamente a tutta la parte storica della città, occupando la parte interna alle mura, quasi tutti i bastioni ed anche la parte di prato esterna. Questo ha permesso una distribuzione delle persone in maniera più omogenea, permettendo una migliore fruizione da parte di tutti i visitatori, al costo solo di fare qualche metro in più di passeggiata

Ma veniamo a parlare delle varie parti della mostra.

31 ottobre 2015

Lucca, chi non ci va non ci s'inzuppa: reportage da Lucca Comics & Games 2015 (prima parte)


...questo perché quest'anno mi sono preso un'acquata di quelle maiuscole durante la mattina. Ebbene si, anche quest'anno sono tornato a vedere l'annuale edizione di Lucca Comics and Games, la fiera del fumetto e dei giochi che si tiene appunto a Lucca nel fine settimana del 1 Novembre. La mia classica recensione (quì di seguito trovate quelle degli scorsi anni) la farò al più presto, per adesso ecco una prima gallery di foto che ho scattato. Scusate se a vederle saranno un po' sparpagliate, ma purtroppo Blogger ha una gestione delle immagini veramente penosa...
Cominciamo come al solito dai Cosplayer, come al solito molto numerosi: