...fermarsi ogni tanto sulle rive di questo mare che è la vita a narrare quello che vedo tra le onde...

19 settembre 2014

Premi IgNobel... anche nel 2014

Anche quest'anno, come succede ormai dal 1991, sono stati assegnati i premi IgNobel. Questo premio è nato come parodia del premio Nobel, e dalla sua fondazione viene assegnato dall'associazione "Improbable Research" a ricerche scientifiche seriamente realizzate, ma che hanno scarso interesse pratico ma un po' ridicole. Il premio ha la finalità di attirare l'attenzione delle persone sulla scienza, mettendo si in evidenza l'assurdità di alcune ricerche, ma così facendo fa riflettere su quanto la scienza sta progredendo, come recita il motto dell'associazione: "Ricerche che fanno ridere le persone e poi pensare". La lista di tutti i premi sinora assegnati la potete trovare qui, mentre se volte vedere più in dettaglio quelli degli scorsi anni li avevo già commentati in questo, questo e questo post.
Il premio quest'anno era la somma di un trilione di dollari dello Zimbabwe (circa 25 centesimi di Euro), più un vassoio con attaccate sopra piatto e posate. Quest'anno i ricercatori italiani hanno vinto il premio in ben due categorie: non c'è che dire, siamo bravi!. 
Ecco qui di seguito i vincitori dei vari premi, come sempre (data la difficoltà di metterle in ordine di importanza) le categorie dei premi sono in rigoroso ordine alfabetico:
  • Arte: questo premio è stato vinto da Marina de Tommaso e colleghi del Policlinico dell’Università di Bari, per il loro studio sulla misurazione del dolore che si patisce quando si guardando dei dipinti brutti (o belli) mentre si è colpiti alla mano da un laser molto fastidioso. Ottima idea per quando si va dal dentista, come hanno detto gli stessi ricercatori.
  • Biologia: un gruppo di ricercatori di Repubblica Ceca, Germania e Zambia capitanato da Vlastimil Hart si è guadagnato l'Ig Nobel per la Biologia, per aver dimostrato che i cani, quando devono fare i loro bisogni, orientano l'asse del proprio corpo con le linee nord-sud del campo magnetico terrestre. Così sapete come fare la prossima volta che non avete una bussola a portata di mano!
  • Economia: è stato assegnato all'ISTAT, l'Istituto nazionale di statistica, “per aver preso orgogliosamente l’iniziativa di adempiere il mandato dell’Unione europea di incrementare la dimensione ufficiale delle economie nazionali degli stati membri includendo i ricavi da prostituzione, dalla vendita di droghe illegali, dal contrabbando e da tutte le altre operazioni finanziarie illecita tra partecipanti volontari“. Per una volta, insomma, siamo all'avanguardia...
  • Fisica: è andato a Kiyoshi Mabuchi, Kensei Tanaka, Daichi Uchijima e Rina Sakai per aver misurato l'attrito tra una scarpa e una buccia di banana, e tra una buccia di banana e il pavimento. Gli scienziati hanno scoperto che si scivola quando l’angolo della scarpa è superiore a 3,8 gradi (rispetto alla verticale), e hanno scoperto anche che l’attrito è superiore, e quindi è meno probabile cadere, quando si pesta una buccia di mela. Al prossimo anno le prove con le bucce di cocomero? 
  • Medicina: un team indiano della Michigan State University, guidato da Ian M. Humphreys, ha visto questo premio grazie al loro studio sulla cura dei casi di imponente epistassi con l'inserimento nella cavità nasale di striscioline di carne di maiale stagionata. Insomma, la prossima volta che perdete sangue dal naso invece del ghiaccio usate una salsiccia!
  • Neuroscenze: è stato conferito a Jiangang Liu e colleghi della Beijing Jiaotong University, Cina, per aver studiato cosa succede nel cervello delle persone che credono di vedere il volto di Cristo su una fetta di pan carré troppo tostato. Per fare questo studio sulla pareidolia è stato usato uno speciale tostapane che riproduceva sulle fette che tostava l'immagine di un volto, tostapane che si può trovare in vendita su Ebay...
  • Nutrizione: Lo ha vinto un gruppo di ricercatici spagnole dell’Irta-Food Safety Programme,  guidato da Raquel Rubio, che ha usato isolato i batteri delle feci dei bambini e li hanno usati per produrre salsicce probiotiche. I ricercatori hanno invitato i presenti alla cerimonia ad assaggiare queste salsicce, ma non si sa se qualcuno abbia accettato... (e chi sa se anche queste curano l'epistassi)
  • Psicologia: per questa categoria il premio è andato al britannico Peter K. Jonason e alle statunitensi Amy Jones, e Minna Lyons, per aver raccolto prove del fatto che le persone che vanno a dormire più tardi hanno maggiori probabilità, rispetto ai mattinieri, di essere psicopatico, narcisista e manipolatore. Insomma, se sei un nottambulo ci sta che sei uno squilibrato...
  • Salute pubblica: è stato attribuito al gruppo internazionale di ricercatori composto da Jaroslav Flegr, Jan Havlícek e Jitka Hanušová-Lindova, e di David Hanauer, Naren Ramakrishnan, Lisa Seyfried, che hanno realizzato ben tre studi sui possibili rischi per la salute mentale legati al possesso di un gatto. In particolare hanno visto come i morsi dei gatti possono influenzare la salute mentale dei loro padroni. E hanno scoperto che quelli che vengono morsicati dai propri gatti sono più depressi.
  • Scienze artiche: Eigil Reimers e Sindre Eftestøl, dell'Università di Oslo, hanno studiato le reazioni di spavento che le renne provano al cospetto degli orsi bianchi, o meglio, di uomini travestiti da orsi bianchi: infatti gli stessi ricercatori si erano travestiti da orsi per studiare le reazione delle renne. E forse hanno riciclato gli stessi costumi anche per carnevale...
Come vedete, anche quest'anno ci sono delle ricerche veramente eccezionali, che se non segnalate dal premio sarebbero sfuggite alla maggior parte della gente, distratta da altre più futili notizie.... Oppure no?