...fermarsi ogni tanto sulle rive di questo mare che è la vita a narrare quello che vedo tra le onde...

7 ottobre 2010

Pubblicità in cassetta: si, ma quanta?

Capita quasi ogni giorno: apro la cassetta della posta e la trovo piena di volantini pubblicitari, per lo più di catene di supermercati o grandi magazzini, ma anche di negozi locali, ristoranti o eventi organizzati. E del resto basta vedere le cassette messe apposta ai portoni ed ai cancelli dei condomini, perennemente traboccanti di volantini. Ma in realtà quant'è la pubblicità che ci arriva direttamente a casa? me lo sono chiesto spesso, e per darmi una risposta ho fatto un esperimento: per un anno ho raccolto tutti i volantini che mi sono arrivati, ed una volta al mese ho pesato la pila di carta accumulata (che successivamente ho messo nel cassonetto della carta per essere riciclata, come dovrebbero fare tutti). Ecco di seguito il risultato:

Mese           Peso (in Kg)


settembre 2009   1,120
ottobre 2009     1,420
novembre 2009    1,470
dicembre 2009    0,670
gennaio 2010     1,330
febbraio 2010    1,300
marzo 2010       1,420
aprile 2010      1,630
maggio 2010      1,920
giugno 2010      1,180
luglio 2010      1,110
agosto 2010      1,360

Totale          15,930

Media mensile    1,328

(nota: i dati di peso si riferiscono a quanto arrivato dal 16 del mese al 15 del mese successivo)

In un anno mi sono arrivati quasi 16 Kg di carta! E devo anche tener conto che i dati di peso sono in difetto, poiché non sempre sono riuscito a raccogliere tutti i volantini che mi sono arrivati, sia perché qualcuno era inzuppato di pioggia o perché gettato via da qualche familiare.
Se pensiamo che abito in una piccola città di circa 20.000 abitanti, per realizzare i volantini recapitati a tutte le famiglie si sprecano circa 110 tonnellate di carta all'anno! Senza pensare a quanto costa la stampa, gli inchiostri, il recapito porta a porta fatto in pratica quotidianamente,... E chissà quanti di questi opuscoli sono effettivamente letti.
Che ne dite? Non vi sembrano un po troppi?

Aggiornamento: ecco quì i dati del secondo anno.